Gamberi in pasta kataifi al forno: ricetta e varianti

La pasta kataifi è una preparazione a base di acqua e farina molto simile a degli spaghetti sottilissimi. Viene utilizzata moltissimo nella cucina greca e dei paesi del Medio Oriente per dare un tono croccante ai piatti sia dolci che salati. Grazie alla sua malleabilità, infatti, si può facilmente lavorare e darle diverse forme. La pasta kataifi può essere preparata fritta oppure al forno rimanendo sempre croccante e con un invitante colore dorato. Per esaltare al meglio questa preparazione, l’ideale sono sicuramente i finger food, ossia tutti quei piatti sfiziosi e piccoli che possono mangiarsi facilmente come aperitivo in un unico boccone. Da questa idea nascono i gamberi in pasta kataifi al forno. Si marinano i crostacei per poi abbinarli a una particolarissima salsa a base di mango dal gusto agrodolce.

Ingredienti

  • gamberi
  • timo
  • sale
  • pepe
  • scorza e succo di lime
  • olio evo
  • peperoncino fresco
  • mango
  • miele
  • senape
  • pasta kataifi

Informazioni

Porzioni: 4
Tempo di preparazione: 01:10
Tempo di cottura: 00:05
Tempo totale: 01:15

Preparazione

  1. Come prima cosa occorre occuparsi della marinatura, che richiede circa mezz'ora di tempo. Servono peperoncino fresco, timo, sale, pepe, scorza e succo di lime e olio evo.
  2. L'emulsione di marinatura si prepara molto facilmente triturando il peperoncino finemente dopo averlo privato dei semi. Questo va poi unito alle foglioline e ai condimenti sopra citati creando un'emulsione.
  3. Fatto questo, si può procedere a trattare i crostacei che vanno accuratamente puliti eliminando il carapace ma facendo attenzione a non toccare coda e testa che, invece, vanno lasciate integre.
  4. Una volta puliti possono essere sistemati all'interno di una pirofila abbastanza ampia e bassa, senza sovrapporli gli uni con gli altri.
  5. La marinatura preparata precedentemente deve essere versata sopra i gamberi che andranno quindi riposti in frigorifero coperti da pellicola trasparente per circa mezz'ora.
  6. Mentre i gamberi marinano in frigo ci si può dedicare alla preparazione della salsa agrodolce. Per realizzarla occorrono un mango, il succo di lime, un cucchiaio di miele, due cucchiai di senape, un filo d'olio evo e un pizzico di sale.
  7. Si inizia tagliando finemente la polpa del mango alla quale vanno poi aggiunti miele, senape, succo di lime ed olio.
  8. Gli ingredienti vanno mescolati leggermente prima di venire frullati con un mixer sino ad ottenere una salsa dall'aspetto compatto e vellutato, da mettere in frigo a riposare.
  9. Terminata la marinatura dei gamberi si può procedere con la pasta kataifi. I crostacei andranno interamente avvolti all'interno dei filini della kataifi lasciando fuori soltanto testa e coda. Il processo più delicato è proprio quello che riguarda la stesura della pasta kataifi che dovrà essere srotolata con cura e attenzione per non venire danneggiata.
  10. Prima di avvolgere il gambero nella pasta kataifi è necessario scolare la marinatura in eccesso, così da ottenere il miglior risultato possibile in cottura e ottenere una croccantezza perfetta.
  11. I gamberi sono ora pronti per essere cotti in forno statico preriscaldato a 180 gradi per qualche minuto, finché la pasta kataifi non risulterà dorata, per poi consumarli immediatamente ben caldi subito dopo.

Gamberi in pasta kataifi: varianti

Per quanto riguarda la preparazione si può scegliere di friggere invece di cuocere al forno, mentre per le salse di accompagnamento o le marinature si possono sperimentare infinite combinazioni, giocando con le spezie del mondo, con la frutta secca o con i frutti di bosco. I gamberi sono crostacei delicati e pregiati che si sposano bene con spezie dagli aromi forti in grado di esaltarne al meglio il gusto. La pasta kataifi, infine, si può reperire facilmente online, ma anche nei supermercati e nei negozi specializzati nella vendita di alimentari orientali e biologici. gamberi in pasta kataifi
Entire Digital Publishing - Learn to read again.