Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Nestlé, nuovo piano per combattere la deforestazione

Nestlé

Nestlé ha definito un piano per contrastare la deforestazione e ripristinare le foreste della sua filiera di cacao in Costa d'Avorio e Ghana.

Nestlé ha definito in questi giorni un piano d’azione per aiutare a porre fine alla deforestazione e ripristinare le foreste della sua filiera di produzione di cacao in Costa d’Avorio e Ghana. Questo programma fa parte dell’impegno dell’azienda a sostenere l’iniziativa Cocoa & Forests, frutto di una nuova collaborazione tra i governi della Costa d’Avorio e del Ghana e l’industria del cacao e del cioccolato. Inoltre, l’azienda ha deciso di rendere noti i nomi dei propri fornitori di cacao per aumentare la trasparenza.

Combattere le deforestazione

Lo scopo di Nestlé è quello di ottenere entro il 2020 una produzione di materie prime senza ricorrere alla deforestazione. A questo proposito, l’azienda sta lavorando sulla trasparenza e sulla tracciabilità nella sua filiera e sta già utilizzando una serie di strumenti, tra cui la certificazione, la mappatura della filiera e le immagini satellitari. Il piano d’azione di Nestlé Cocoa & Forests, insieme alla divulgazione dei fornitori di cacao di Nestlé in Ghana e Costa d’Avorio, accelererà il percorso dell’azienda per fermare la deforestazione.

Alexander von Maillot, responsabile dell’unità strategica del settore dolciario di Nestlé S.A., ha dichiarato: “La nostra filiera esclude l’utilizzo di semi di cacao coltivati illegalmente in aree protette.

Il nostro scopo è frenare la deforestazione e la distruzione di altri habitat naturali esercitando un maggiore controllo sui processi di approvvigionamento delle materie prime agricole che impieghiamo, compreso il cacao. Affrontare il problema della deforestazione del cacao è difficile, perché si tratta di una responsabilità condivisa. Per questo motivo sosteniamo l’iniziativa Cocoa & Forests, che riunisce tutte le parti interessate al fine di favorire lo sviluppo di un’industria del cacao sostenibile, in cui la protezione dell’ambiente è in linea con lo sviluppo sociale ed economico dei coltivatori di cacao e dei paesi produttori”.

Nestlé Cocoa & Forests: il piano

Il piano d’azione Nestlé Cocoa & Forests si concentra su tre pilastri: protezione e ripristino delle foreste; produzione sostenibile del cacao e mezzi di sussistenza dei coltivatori; impegno della comunità e inclusione sociale. Il programma definisce una serie di attività che l’azienda realizzerà nei prossimi quattro anni, con particolare attenzione alle cooperative in Costa d’Avorio e Ghana che decideranno di sottoscriverlo. In questo caso, l’iniziativa andrebbe a favore sia della qualità dei prodotti, sia delle condizioni lavorative dei coltivatori di cacao.

Tra le attività significative nell’ambito del piano d’azione di Nestlé Cocoa & Forests figurano:

  • Completamento della mappatura di tutte le 87.000 aziende agricole che fanno parte del Piano e rafforzamento dei sistemi di tracciabilità dei semi di cacao entro il 2019;
  • Attuazione di un processo di esclusione dei coltivatori che coltivano cacao in aree protette dalla filiera di Nestlé entro il 2020;
  • Sensibilizzazione di 38.000 agricoltori sull’applicazione delle leggi forestali in entrambi i paesi e sull’importanza di proteggere le foreste entro il 2022;
  • Distribuzione e messa a dimora di 2,8 milioni di alberi entro il 2022;
  • Inserimento di piloti agroforestali, in grado di monitorare le coltivazioni dall’alto entro il 2022.
  • Formazione di 70.000 agricoltori sulle buone pratiche agricole, compreso l’impiego di tecnologie e metodi agricoli avanzati per aumentare la produttività;
  • Promozione dell’inclusione finanziaria di almeno 8.700 agricoltori sostenendo la creazione di associazioni di risparmio e prestito nei villaggi entro il 2022;
  • Distribuzione di 5.000 fornelli a risparmio energetico entro il 2021 per ridurre l’impatto sulle foreste e migliorare la salute della comunità.
© Riproduzione riservata
Leggi anche