Mangiare aglio crudo a cosa fa bene: proprietà e benefici

Mangiare l'aglio crudo è da molti considerata un'abitudine salutare: quali sono le sue proprietà e a cosa fa bene? Scopriamolo insieme.

Che l’aglio vanti innumerevoli proprietà nutrizionali è risaputo, ma non tutti sanno che per massimizzare i benefici sarebbe meglio evitare di cuocerlo. Mangiare l’aglio crudo potrebbe essere poco allettante, ma prima di accantonare definitivamente l’idea lasciatevi spiegare quali vantaggi potreste trarne e, nello specifico, a cosa fa bene.

Mangiare l’aglio crudo: proprietà e benefici

L’aglio è noto per le sue proprietà antibatteriche e antisettiche, utili a contrastare i lievi malanni di stagione e rafforzare il sistema immunitario. Non a caso è considerato fin dall’antichità uno dei migliori antibiotici naturali, in particolare se mangiato crudo a digiuno. Non occorre esagerare per ottenere dei benefici: è sufficiente uno spicchio crudo due volte alla settimana, preferibilmente al mattino o prima dei pasti.

Grazie all’allicina in esso contenuta, l’aglio crudo migliora il sistema cardiocircolatorio, abbassando i livelli di colesterolo LDL nel sangue e contribuendo a regolarizzare la pressione sanguigna. Contiene vitamina C e B6, che con la cottura andrebbero perse, mentre gli alti livelli di iodio aiutano a contrastare i disturbi della tiroide.

Come renderla un’abitudine piacevole

Se piace l’aglio, consumarlo crudo non dovrebbe richiedere un grande spirito di sacrificio, se non fosse per un “piccolo” dettaglio: l’alito cattivo, un inconveniente non certo trascurabile.

Per evitare spiacevoli esalazioni, il modo migliore è assumere l’aglio sotto forma di caspsule o compresse, facilmente reperibili in farmacia o in erboristeria.

Ciò non toglie che sia possibile incentivare il consumo di aglio crudo anche tramite qualche piccolo escamotage in cucina. Come detto in precedenza, a stomaco vuoto i benefici sono maggiori, ma abbinarlo al cibo aiuta a ridurre notevolmente l’alitosi.

Pensate a un grande classico della cucina italiana, la pasta con il pesto alla genovese, anche in versione light.

Basilico, aglio, pinoli, un filo d’olio extravergine d’oliva e acqua: un’ottima salsa, ricca di gusto e genuina, decisamente più leggera dell’originale.

Inoltre, potete prendere ispirazione dalla dieta mediterranea per creare dei piatti freschi per l’estate, come l’insalata di pomodori con aglio tritato, basilico e origano.

Mangiare aglio crudo a cosa fa bene

Scritto da Angelica Mocco
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tortillas con fagioli e salsiccia: ricetta tipica messicana

Tortillas con gamberi e avocado: ricetta gustosa e stuzzicante

Leggi anche
Contents.media