Notizie.it logo

Come creare un blog di cucina: i nostri consigli

Come creare un blog di cucina

Vi piacere cucinare e desiderate condividere questa passione con il resto del mondo? Scoprite come creare un blog di cucina!

Se amate trascorrere il tempo libero ai fornelli, cucinare nuovi piatti e fotografarli, potreste trasformare questa passione in un lavoro. Con la diffusione dei social network, in particolare Instagram e Facebook, la figura del foodblogger è diventata un punto di riferimento per chi cerca sul web consigli e ricette. In altre parole, il blogger è a tutti gli effetti un influencer, capace di coinvolgere con i propri contenuti creativi migliaia o milioni di persone. Vorreste lanciarvi in questa nuova avventura? Ecco la guida completa su come creare un blog di cucina.

Come creare un blog di cucina

La gestione di un sito inizia dalla sua creazione, ma non si ferma qui: occorre saper organizzare i contenuti, creare un piano editoriale coerente con il proprio target, curare l’indicizzazione su Google e valutare le diverse opzioni di guadagno. Ecco le nostre linee guida.

Come aprire un sito

La prima cosa da fare è creare un sito, che deve essere semplice ma allo stesso tempo accattivante in maniera da catturare l’attenzione del visitatore ed invogliarlo alla lettura. Oggi, per creare un sito web, non servono conoscenze di programmazione: esistono dei software con cui è possibile in pochi e semplici passi organizzare tutte le nostre ricette in un blog di cucina dalla grafica moderna ed accattivante.

Come scegliere il nome del blog

La scelta del nome per il proprio sito è un passaggio cruciale, in quanto il dominio una volta registrato non può essere cambiato. Se volete puntare tutto sul personal branding, potete semplicemente utilizzare il vostro nome e cognome; se invece preferite utilizzare un nome di fantasia, sceglietene uno che si discosti da quello dei vostri competitors, che sia facile da ricordare e che rappresenti al meglio la vostra attività.

Quali contenuti pubblicare e come organizzarli

A meno che non decidiate di dedicare il vostro sito a una specifica nicchia di settore, ricordate di variare il più possibile gli argomenti da trattare, in modo tale da abbracciare un’ampia fetta di pubblico. La concorrenza è alta, per cui occorre essere costanti con la pubblicazione degli articoli e rendere il sito user friendly, ovvero facilmente consultabile.

Suddividete gli articoli in base alla categoria di appartenenza e rendeteli accessibili tramite un menù. Non limitatevi a pubblicare ricette tradizionali, ma proponete anche idee nuove e originali, che possano incuriosire chi vi legge: l’obiettivo è fidelizzare il pubblico e incrementare la condivisione dei contenuti.

Dedicate degli spazi alle seguenti categorie:

  • ricette per intolleranze alimentari (es. senza glutine, lattosio, uova);
  • ricette per diversi stili alimentari (es. cucina light, vegana, vegetariana);
  • ricette per festività e ricorrenze (es. Natale, Pasqua, San Valentino).

Non dimenticate di curare l’aspetto SEO per garantire una buona indicizzazione su Google del sito e corredare i vostri articoli con delle immagini di qualità.

Come guadagnare con un blog di cucina

Un sito ottimizzato che riceve giornalmente migliaia di visite uniche dagli utenti può rappresentare una fonte di guadagno. Se il traffico sul blog è elevato, potete valutare l’idea di ospitare dei banner pubblicitari, oppure affidarvi all’affiliate marketing: in questo caso potete inserire dei link di affiliazione (di Amazon o altri e-commerce) e guadagnare una percentuale su ogni vendita effettuata tramite il codice partner.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000

Leggi anche