Funghi ripieni vegan: la ricetta per tutti

Funghi ripieni vegan, perfetti per gli amici vegani.

I funghi sono sia degli importanti ripulitori naturali dei boschi sia degli ingredienti nutrienti, gustosi e insostituibili di tantissime ricette della cucina nostrana ed estera, basta pensare ad esempio al risotto, alle crespelle, ai sottolio, alle zuppe, ai contorni e chi più ne ha più ne metta.

A questo proposito ecco qui di seguito proposti i passaggi e i consigli per preparare come si deve i funghi ripieni vegan: la ricetta per tutti!

Funghi ripieni vegan

Ingredienti

Per cucinare i funghi ripieni vegan occorre utilizzare soltanto ingredienti vegetali, pertanto non sono ammessi i latticini, il pesce, le uova, la carne e i relativi derivati come ad esempio il burro, la gelatina animale, lo strutto, la panna, ecc.

Più nello specifico per realizzare in soli 30 minuti la ricetta per tutti dei funghi ripieni vegan per soddisfare almeno 8 persone bisogna procurarsi gli ingredienti elencati nella seguente lista:

  • 1 kg di funghi porcini;
  • 2 piccole cipolle;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 2 mazzetti di prezzemolo fresco;
  • 2 panini raffermi con ingredienti 100% vegetali;
  • 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 60 grammi di crema di sesamo;
  • sale fino quanto basta;
  • pepe macinato quanto basta.

Preparazione

  1. Anzitutto per realizzare la ricetta dei funghi ripieni vegan è necessario preparare i porcini per essere cucinati, in particolare nettandoli in maniera accurata con uno strofinaccio umido e un pennello o una spazzolina per eliminarne la terra.
  2. A questo punto bisogna staccare i gambi dalle cappelle, dai quali sarà stata tagliata via la parte terrosa, per tritarli finemente con la mezzaluna su di un tagliere di legno assieme al prezzemolo preventivamente lavato e asciugato, alle cipolle e agli spicchi d’aglio già sbucciati.
  3. Una volta realizzato tale trito occorre farlo soffriggere per 4 minuti in una pentola capiente posta sul fuoco moderato nella quale siano stati riscaldati 6 cucchiai di olio extravergine d’oliva. E’ il momento di aggiungere al soffritto anche le cappelle dei funghi porcini per poi continuare la cottura per altri 7 minuti rimestandole spesso con delicatezza.
  4. Passati tali minuti si deve prendere una pirofila da forno, ungerla con 2 cucchiai d’olio e porvi le cappelle rivolgendone la parte concava verso l’alto in modo da poterle farcire successivamente.
  5. Adesso bisogna ammorbidire con dell’acqua la mollica dei panini raffermi, strizzarla, sminuzzarla e aggiungerla al soffritto rimasto nella padella ancora sul fuoco per farla insaporire e asciugare bene, inoltre si devono aggiungere anche del sale fino e del pepe macinato.
  6. Dopo aver proseguito la cottura per qualche altro minuto finalmente è ora di riempire le cappelle dei funghi porcini con il soffritto preparato e di mettere la pirofila con le stesse nel forno preriscaldato a 200 °C. La cottura deve durare almeno 10 minuti o poco più in modo che i funghi ripieni vegan possano gratinarsi presentando così una crosticina superficiale dal colore dorato.
  7. E’ arrivato il momento di sfornare queste squisitezze profumate, ossia i funghi ripieni vegan, di versarvi sopra qualche cucchiaio di crema di sesamo o di fiocchetti di margarina vegetale e di portarle in tavola direttamente con la pirofila da forno cosicché i commensali si possano servire da soli rifacendosi gli occhi: buon appetito!

Consigli

Per terminare fra gli altri consigli per cucinare al meglio i funghi ripieni vegan seguendo la ricetta per tutti qui appena presentata è bene evidenziare che la crema di sesamo può essere sostituita con la margarina vegetale, la crema di mandorle, l’olio di cocco o la polpa di avocato.

Inoltre la ricetta può essere modificata aggiungendo al soffritto dei cubetti di carota e di sedano, spolverando i funghi con del pan grattato e dei semi di sesamo prima di metterli a gratinare nel forno ed anche arricchendo il soffritto finale con un po’ di scorza di limone grattugiata.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Alberto Gipponi: storia del suo ristorante Dina

Paolo Cappuccio, tutto sullo chef stellato

Leggi anche
Contents.media