Notizie.it logo

Castagne al vapore con vaporiera: come si preparano

Castagne al vapore con vaporiera: come si preparano

Le castagne sono ricche di proprietà nutritive e, per mantenerle intatte, l'ideale è cuocerle al vapore.

Cucinare i cibi al vapore è un metodo di cottura salutare e leggero, che consente di mantenerne inalterate le proprietà nutritive e organolettiche e non prevede l’aggiunta di grassi.

In particolare, cuocere al vapore le dolcissime castagne autunnali con la vaporiera le mantiene umide anche una volta pronte, ma non troppo mollicce come con la bollitura, e ovviamente grazie al vapore non saranno mai asciutte o secche come con la cottura al forno, in padella, nel camino o sulla brace. Ecco le istruzioni che bisogna seguire per preparare come si deve le castagne al vapore con vaporiera!

Castagne al vapore con vaporiera

Per quanto riguarda gli ingredienti per cucinare le castagne al vapore con vaporiera a casa propria, per soddisfare i palati di 8 commensali occorre procurarsi:

  • 1,5 kg di castagne fresche;
  • Acqua q.b.

Riguardo agli strumenti per preparare le castagne con la pentola a vapore, è necessario procurarsi:

  • Una vaporiera;
  • Un coltello;
  • Un canovaccio pulito.

Castagne cotte al vapore proprietà

In merito ai passaggi da seguire per preparare nel modo giusto le castagne al vapore con vaporiera direttamente a casa propria, si devono mettere in evidenza i punti qui di seguito elencati:

  1. Riempire il lavello di acqua per immergervi e lavare le castagne. Al riguardo, è necessario eliminare le castagne che galleggiano in superficie poiché ormai sono danneggiate o contengono un vermiciattolo;
  2. Incidere le castagne con l’aiuto di un coltello per facilitarne la cottura;
  3. Far bollire dell’acqua nella vaporiera;
  4. Riempire l’apposito cestello con le castagne e porlo sopra l’acqua portata a bollore, ma senza che la tocchi;
  5. Coprire la vaporiera con il suo coperchio e lasciar cuocere le castagne a fuoco medio per almeno 20 minuti, o ancor meglio per 30 minuti, oppure fino a quando si taglieranno agevolmente facendo la prova col coltello;
  6. Rimuovere il cestello con le castagne dalla pentola a vapore e lasciar intiepidire il tutto. Al riguardo, dopo la cottura, è utile non lasciar raffreddare troppo a lungo le castagne, ma soltanto quanto basta per gestirle, così da riuscire a sbucciarle con maggior facilità. Infatti, se le castagne si raffreddano completamente risulta più difficile pelarle;
  7. Eliminare la buccia marrone dalle castagne, magari aiutandosi con un coltello;
  8. Strofinare le castagne già pelate ponendole dentro un canovaccio oppure un asciugamano per rimuoverne completamente le pellicine.

Per concludere le istruzioni appena proposte per cucinare le castagne al vapore con vaporiera nel modo corretto, è bene evidenziare che tagliare a metà le castagne prima di cuocerle consente di sbucciarle più facilmente dopo la cottura. Fra gli altri consigli, è anche possibile aggiungere all’acqua di cottura delle foglie, delle radici o dei semi dalle proprietà aromatizzanti, ad esempio l’alloro, la liquirizia, il finocchio o l’anice, per dare profumo al vapore e, di conseguenza, più sapore alle castagne: che bontà!

castagne lesse ricetta napoletana

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300

Leggi anche