Notizie.it logo

Le castagne matte si possono mangiare: come riconoscerle

Castagne matte si possono mangiare

Quali rischi si corrono se si mangiano le castagne matte? Come distinguerle dalla classiche castagne commestibili?

L’autunno è periodo migliore per gustare le castagne fresche, cotte a bollito o arrostite, utilizzate come condimento per la pasta o servite come un delizioso dessert. Se siete abituati a raccoglierle nei boschi, fate attenzione a non scambiarle con i frutti dell’ippocastano, le cosiddette castagne matte o castagne d’India. A causa dell’aspetto simile, sia del frutto che del guscio, il rischio di confondersi e incorrere in un’intossicazione alimentare è sempre in agguato. Le castagne matte si possono mangiare? Neanche a chiederlo, la risposta è no, ma in questo articolo vi spieghiamo come imparare a distinguerle dai frutti del castagno europeo.

Le castagne matte si possono mangiare?

Come abbiamo accennato poc’anzi, i semi dell’ippocastano non sono commestibili per l’uomo e provocano gravi intossicazioni alimentari. La causa è della forte concentrazione di saponine, sostanze tossiche dal sapore amaro che provocano vomito, diarrea, dolori addominali e nausea. Oltre ad avere un effetto irritante per le mucose, se ingerite in notevoli quantità possono causare anche la distruzione dei globuli rossi.

Per questo motivo, se si sospetta di aver consumato delle castagne matte, è fondamentale recarsi al più presto al pronto soccorso o contattare il centro antiveleni.

Castagne matte si possono mangiare

Castagne matte come riconoscerle

Non fatevi prendere da facili allarmismi: se acquistate le castagne al supermercato non correte alcun rischio. Il problema si pone nel caso in cui le castagne siano state raccolte in autonomia, da voi stessi o da qualche amico. Innanzitutto, occorre mettere in chiaro che i castagni europei sono alberi che difficilmente si trovano in città, per cui se dovete andare in cerca di castagne recatevi in un bosco situato ad altitudini tra i 300 e i 1200 metri. Se passeggiando nel parco cittadino vi sembra si scorgere dei castagni carichi di frutti, fate marcia indietro: probabilmente si tratta di ippocastani.

Ecco qualche indicazione utile per distinguere le castagne commestibili dalle castagne d’India:

  • le foglie dell’ippocastano sono grandi e palmate, quelle del castagno europeo sono piccole e seghettate;
  • il guscio delle castagne matte è di un colore verde intenso e possiede pochi aculei, mentre il guscio delle castagne mature è marrone scuro e interamente rivestito da spine sottili;
  • le castagne matte non si trovano mai in coppia all’interno del guscio, a differenza della castagne che sono racchiuse in 2-3 all’interno di ogni riccio;
  • per quanto riguarda l’aspetto, le castagne matte sono facilmente distinguibili in quanto sono più grandi, lucide e tonde delle castagne, che comunemente hanno una forma schiacciata e un guscio opaco leggermente striato.

Castagne matte si possono mangiare

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300

Leggi anche