Come scegliere pentole e padelle per una cottura sana

La composizione costruttiva di una pentola o di una padella è fondamentale per cuocere gli alimenti, questa può trasmettere parti metalliche o di altra natura

La cura del proprio corpo passa soprattutto attraverso un’alimentazione bilanciata e sana, tale condizione non potrebbe avere riscontri positivi con strumenti poco appropriati in cucina. Sempre più persone utilizzano pentole e padelle con determinate caratteristiche per avere una cottura sana e innocua per il proprio corpo. Nelle prossime righe analizzeremo nel dettaglio l’importanza dei materiali e le pentole da scegliere per una cottura sana degli alimenti assimilati quotidianamente.

L’importanza dei materiali

La composizione costruttiva di una pentola o di una padella è fondamentale per cuocere gli alimenti, questa può attraverso il contatto diretto con gli ingredienti trasmettere parti metalliche o di altra natura. Sul negozio online Spadellami.it è possibile acquistare pentole costruite in materiali diversi, si consiglia di dare un’occhiata per scegliere i prodotti migliori per le proprie esigenze. Vediamo nello specifico le tipologie di pentole e i loro materiali.

Il teflon

La gran parte delle pentole sono costruite con un rivestimento in teflon. Questo non è altro che un rivestimento antiaderente che si lega all’alluminio, molto economico e si lava con grande facilità.

La simil-ceramica

Alternativa quasi naturale del teflon è il rivestimento in simil-ceramica che ha la capacità di diffondere il calore con grande uniformità, ma non è particolarmente antiaderente e necessita di tanto tempo per scaldarsi.

L’alluminio

Sicuramente il materiale più presente nelle cucine dei ristoranti, l’alluminio è celebre per le proprietà antiaderenti e una conduzione eccellente del calore. Molto amato anche dalle casalinghe che desiderano strumenti leggeri e un costo contenuto. Difetto però da tenere in conto è la sua capacità di permeare gli alimenti con effetti nocivi per la salute e necessita di un lavaggio delicato.

L’acciaio inossidabile

La resistenza e la longevità di una pentola in acciaio inox sono oggettivamente caratteristiche di valore, la mancanza quasi totale di manutenzione e l’ecletticità nel sopportare qualsiasi temperatura la rende un prodotto validissimo per cucinare. Purtroppo, la scarsa conduzione termica, il fatto che non sia antiaderente e l’impossibilità di essere utilizzata dagli allergici al nichel, limita notevolmente il suo utilizzo.

Il rame

Questo materiale è tra i più apprezzati dai cuochi di cucina tradizionale, è eccellente nella conduzione termica ed è esteticamente tra i più belli in commercio per il suo splendore. Purtroppo, non tutti sanno che il fondo stagnato può essere, per colpa dell’ossido di rame, velenoso se non in ottime condizioni.

Il ferro

Pentole e padelle costruite in ferro risalgono a tantissimi anni fa, ma ancora oggi riescono ad avere un’ottima resa in specifiche ricette. Esse sono estremamente robuste e sono naturalmente antiaderenti, oltre a sopportare temperature estremamente alte. A differenza dell’alluminio e della cessione dei possibili residui agli alimenti, non sono nocive per la salute.

La ghisa

Questo materiale, come il ferro è molto antico ed è tecnicamente una lega. Ha un’ottima resistenza alle temperature alte e consente grigliate e cotture lente di qualità grazie anche alle proprietà antiaderenti. Il peso è forse tra le caratteristiche meno gradite dalle casalinghe e come il ferro non è assolutamente adatto alle preparazioni ricche di acidi o salate.

La terracotta

Tra le pentole più utilizzate in cucina figura quella in terracotta. Grazie alle sue qualità antiaderenti, alla possibile cottura in forno e alle cotture uniformi è una soluzione ideale per preservare gli aromi del cibo. Purtroppo, in molte di loro vi è la presenza di metalli pesanti e magari non è opportuno utilizzarle quotidianamente.

Quali pentole scegliere

L’analisi puntuale dei materiali principali per la costruzione di pentole e padelle sottolinea come la qualità della loro realizzazione è essenziale in cucina. Nella gran parte dei casi il costo e l’antiaderenza sono i primi fattori di scelta, ma in realtà il materiale che le compone è fondamentale per evitare problematiche legate ai metalli pesanti e alle contaminazioni.

Quale pentola scegliere quindi per il proprio benessere fisico? La risposta risiede nello scopo della pentola, cioè nell’utilizzo che il cuoco ne farà. Una pentola adatta a determinate mansioni deve necessariamente attenersi a quelle per non rilasciare metalli superflui o contaminazioni nocive. Importante quindi scegliere la pentola adatta per ciò che si andrà a cucinare, selezionando i materiali idonei per gli alimenti acquistati.

Conclusioni: affidarsi ai professionisti

L’infinità di prodotti presenti sul mercato evidenzia come sia fondamentale affidarsi agli esperti del settore per acquistare pentole e padelle di qualità. Negozi online come Spadellami.it da anni si impegnano nell’offrire i materiali migliori per ogni esigenza del consumatore.; si possono trovare le informazioni sulle differenze tra le diverse pentole, i materiali e consigli per un corretto utilizzo. La salute non ha prezzo e a volte è nei piccoli particolari che si può fare la differenza, soprattutto in cucina.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Insalata tiepida di polpo e patate: ricetta estiva e saporita

Polpette al forno: ricetta della nonna, semplice e genuina

Leggi anche
Contents.media