I sottoli Orominerva, prodotti artigianali d’eccellenza

Tutta la qualità di ingredienti della terra coltivati e selezionati con la massima attenzione, immersi in un olio di oliva evo a dir poco speciale

La lista di prodotti di eccellenza della gastronomia italiana è senza dubbio lunga, ma in questo elenco non possono mancare i sottoli Orominerva. In questi prodotti, infatti, si può rintracciare in tutti i sensi la qualità di ingredienti della terra che vengono coltivati e selezionati con la massima attenzione. A valorizzarli, poi, ci pensa un olio di oliva extra vergine naturale a dir poco speciale.

Nei sottoli Orominerva non ci sono conservanti, ma solo olio e, appunto, ortaggi e verdure prodotti direttamente da Orominerva, o comunque provenienti da coltivatori di fiducia. L’olio, poi, fa da collante, ma non solo: è un ingrediente a tutti gli effetti. Per questo, dopo aver consumato le verdure, l’olio non va buttato, ma a sua volta assaporato e utilizzato per condire insalate e primi piatti, o anche solo su una bruschetta per coglierne, morso dopo morso, il suo intenso sapore.

Perché scegliere Orominerva e i suoi sottoli

Quelli che vengono proposti dai sottoli Orominerva sono sapori unici e peculiari, data la perfetta armonia con la quale i diversi ingredienti sono legati tra di loro. Così, portare in tavola le verdure e gli ortaggi sott’olio di questo marchio 100% Made in Italy vuol dire offrire a tutti i commensali il piacere di ciò che è genuino e buono, meritevole di essere assaporato fino in fondo.

Gli ingredienti dei sottoli

È davvero ampia la selezione di sottoli tra cui è possibile scegliere: ecco, per esempio, un grande classico come i pomodori secchi, ma anche una vera delizia esclusiva come la cipolla bianca di Isernia. Ancora, gli asparagi sott’olio lasciano a bocca aperta per il sapore e i profumi, mentre i carciofini grigliati si abbinano a toast e panini, oltre a poter essere gustati anche da soli. E sempre rimanendo in tema di carciofini, è possibile scegliere anche quelli standard e quelli delicati, per soddisfare qualsiasi tipo di palato, anche il più esigente. Proseguiamo la rassegna con i funghetti interi e i friarielli, magari con un crostone di pane o una fetta di pane casereccio. Vale la pena di ribadire che sono tutti prodotti italiani: una rarità nel contesto di mercato di oggi. Pensate che sia finita qui? Neppure per sogno, perché meritano di essere assaggiati anche i germogli di aglio rosso e le melanzane, senza dimenticare i peperoncini interi e le olive leccino denocciolate, con cui condire la pasta o il riso. Infine, le zucchine e i peperoni sott’olio di Orominerva sanno impreziosire focacce e pizze.

Senza conservanti: sapori artigianali

L’assenza di conservanti è una delle peculiarità più importanti dei sottoli Orominerva, il cui sapore è messo in risalto dalla qualità di un olio extravergine d’oliva che non ha davvero eguali. I prodotti della terra vengono coltivati e raccolti nel pieno rispetto dei canoni della tradizione: dopodiché un accurato processo di lavorazione consente di esaltare i loro sapori per dar vita a bontà uniche, che rievocano gli antichi valori di una volta. Il gusto delle verdure sott’olio è piacevole e autentico, in virtù di materie prime naturali che garantiscono un ideale equilibrio gustativo per effetto del connubio tra esperienza e passione.

Solo ingredienti naturali

Niente artifici, ma unicamente ingredienti naturali, per rendere protagoniste le materie prime che arrivano sulla tavola. Ognuna di esse è valorizzata da un olio di oliva extra vergine che non è come tutti gli altri, ma è un elemento di valore. Tutti i prodotti sono figli dell’amore di Orominerva per il territorio e del desiderio di sperimentare.

L’olio di Orominerva

Ma che cos’è che rende l’olio di Orominerva così tanto speciale? Di certo la materia prima, che cresce in Molise, una regione caratterizzata da un microclima fantastico e che ben si adatta alla coltivazione degli olivi. Dopo essere state raccolte, le olive sono lavorate al massimo entro 24 ore; terminata la molitura, si lascia decantare l’olio in modo naturale in serbatoi di acciaio, e quindi si procede con l’imbottigliamento. L’olio è rigorosamente non filtrato, e tutti i passaggi sono basati sulla ricerca della massima sostenibilità. Così si produce un olio elegante e di pregio, del tutto italiano, proveniente da cultivar di olivo autoctone selezionate da esperti del settore.

Scritto da alice sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Spaghetti con corallo di capesante: ricetta invitante e raffinata

Frolle con noci e marrons glacés: dolcetti sfiziosi e invernali

Leggi anche
Contents.media