Come ridurre lo spreco alimentare: 5 consigli

Ridurre lo spreco alimentare dovrebbe essere una priorità per ognuno di noi, perché il cosiddetto food waste ha delle ripercussioni davvero gravi a livello di sostenibilità ambientale. Ancora oggi, produciamo quantità enormi di cibo che in buona parte non vengono nemmeno consumate e al contrario finiscono del bidone della spazzatura. Si tratta di un qualcosa di vergognoso, soprattutto se consideriamo che ci sono ancora Paesi del mondo in cui le persone muoiono di fame.

Cosa possiamo fare allora tutti noi, nel nostro piccolo, per ridurre lo spreco alimentare? Vediamo alcuni consigli utili per fare la differenza.

#1 Preparare una lista della spesa ponderata

Preparare una lista della spesa ponderata è sicuramente il primo passo non solo per evitare gli sprechi alimentari ma anche per spendere meno quando si va al supermercato. Spesso e volentieri infatti non si hanno le idee abbastanza chiare e ci si ritrova ad acquistare troppi prodotti, che poi rimangono inutilizzati all’interno del frigorifero. Facendo una lista ragionata ed intelligente, cercando anche di programmare i vari pasti, si può ridurre in modo significativo lo spreco alimentare con benefici anche per quanto riguarda il portafogli.

#2 Preferire prodotti biologici

Un altro consiglio per ridurre lo spreco alimentare è quello di acquistare prodotti bio come quelli di Almaverde Bio, che oltre ad essere più sani e sostenibili presentano anche altri vantaggi. La cucina biologica infatti si basa su un impiego totale di frutta e verdura, che si possono consumare nella loro interezza riducendo in modo considerevole gli scarti. Questo perché non vi è il rischio di inferire pesticidi ed altre sostanze chimiche dannose ma anzi, al contrario proprio nella buccia e negli scarti si concentrano le proprietà benefiche degli ingredienti.

#3 Imparare a leggere la data di scadenza

Per ridurre lo spreco alimentare è importante anche imparare a leggere la data di scadenza presente sulle confezioni dei cibi. Se infatti la dicitura è “da conservare preferibilmente” si tratta di una semplice indicazione e non di un limite temporale netto. La data di scadenza, in tal caso, si può tranquillamente oltrepassare ed il prodotto rimane comunque assolutamente commestibile: buttarlo è un vero peccato e non ha alcun senso.

#4 Dare nuova vita agli avanzi di cibo

Dare nuova vita agli avanzi è senza dubbio importantissimo se si vuole fare la propria parte nella riduzione dello spreco alimentare. Spesso e volentieri infatti capita di preparare una dose eccessiva di cibo e purtroppo non sono pochi coloro che buttano ciò che rimane direttamente nella spazzatura. Si tratta di un gesto che non si dovrebbe mai compiere, anche perché gli avanzi si possono utilizzare in moltissimi modi differenti, per preparare ad esempio altre pietanze o come snack da consumare il giorno dopo.

#5 Congelare il cibo prima che vada a male

Per ridurre gli sprechi alimentari può rivelarsi molto utile infine sfruttare il freezer e congelare tutti quei cibi che sono prossimi alla scadenza e che si teme di non riuscire a consumare per tempo. Lo si può fare con la carne, con il pesce, con il pane e via dicendo e si tratta di un’ottima modalità di conservazione.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Club sandwich al tonno: ricetta semplice, gustosa e stuzzicante

Lassi al mango: un delizioso frullato ideale da gustare in estate

Leggi anche
Contents.media