La Fiorentina annuncia il mancato rinnovo del contratto di Vlahovic

Vlahovic non rinnoverà. Il suo contratto avrà termine nel 2023.

Inutili gli sforzi della società viola

Vlahovic non rinnoverà. Il suo contratto avrà termine nel 2023. La notizia era già nell’ aria dopo gli ultimi episodi, ma a darne l’annuncio ufficiale è stato proprio il presidente, Rocco Commisso. L’unica cosa che ora può fare, con tutta la Fiorentina, è quella di prendere atto della volontà del calciatore, cercando soluzioni a breve termine per proseguire la stagione nel migliore dei modi. In una lettere aperta di Commisso a Firenze, spiega le ragioni di una rottura ormai inevitabile, prendendo in considerazioni situazioni che erano viste come improbabili, come la cessione nel prossimo mercato di gennaio.

Vlahovic ha rinunciato al contratto, ma la sua determinazione, in campo con la squadra viola, non mancherà fino alla fine

Dal suo arrivo a Firenze, Commisso ha sempre promesso ai tifosi che sarebbe stato sincero con loro, senza appunto fare promesse che non avrebbero mai potuto mantenere. In questi mesi si è vociferato molto riguardo il rinnovo di Vlahovic. Come si è risaputo, la Fiorentina ha fatto un’ offerta considerevole al calciatore, una proposta contrattuale che lo avrebbe portato ad essere il giocatore più pagato del club. Tale offerta, è stata anche nel tempo migliorata, per andare incontro alle esigenze di Vlahovic. Nonostante tutti gli sforzi, però, la proposta è stata rifiutata. Vlahovic non ha accettato il rinnovo. Commisso, nei giorni in cui è stato a Firenze, ha provato altri tentativi, cercando soluzioni che avrebbero potuto accontentare il giocatore ed il club. Ma ancora una volta, ogni sforzo è stato inutile. Non resta dunque che prendere atto della sua volontà e trovare soluzioni per proseguire l’animata stagione. In ogni caso, Vlahovic ha un contratto che lo lega ancora alla Fiorentina per altri 21 mesi. Sono tutti sicuri che, il calciatore, darà il proprio contributo per aiutare tutti, come ha sempre fatto, anche in questo ultimo periodo della sua carriera con la squadra viola. Ha sempre dimostrato infatti di avere professionalità e serietà, qualità che lo hanno contraddistinto già dal suo arrivo a Firenze, con il massimo rispetto di tutti i tifosi, dei suoi compagni, del mister e di tutta la società viola.

Vlahovic ha rifiutato ogni offerta proposta

Commisso ha addirittura offerto un cinquennale da quattro milioni di euro l’anno al giocatore, come altra proprosta di rinnovo. Radio Bruno ha poi svelato l’ultima: un contratto fino al 2025 strutturato con un’offerta di 4 milioni il primo anno, fino ad arrivare a 5 per i prossimi. E in sostanza, 3 milioni di commissioni. Quest’accordo, inizialmente, pareva essere stato accettato dalla controparte. Ma proprio al momento della firma, ha rilanciato nuovamente la proprosta.

Caccia al sostituto: alcuni nomi probabili

Cosa accadrà quindi adesso? Il calciatore difficilmente finirà ai margini, anche perché la squadra è costruita introrno al proprio centravanti. L’unico attaccante a disposizione in panchina è Kokorin, ma non dà alcuna garanzia. A gennaio, quando il contratto di Vlahovic terminerà, si proverà ad arrivare da separati in casa. La volontà è quella di cedere il calciatore soltanto all’estero, come al Tottenham, e non a squadre italiane rivali, ad esempio la Juventus. Nel frattempo, è caccia al sostituto. Uno possibile è Scamacca del Sassuolo, mentre i tifosi lo vorrebbero in coppia con Berardi. Gli stessi, sono attratti anche dal nome di Lucca (Pisa), ma che al momento non trova alcuna conferma. In ogni caso, la squadra viola ha massimo tre mesi per trovare un sostituto. Uno che sia all’altezza. E fare in modo che questa stagione, già partita alla grande, non vada quindi a rovinarsi.

Se ti piacciono le scommesse online, prova https://www3.sitiscommesse24.com/

Scritto da Redazione Food Blog
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Focaccine con gorgonzola e uva: soffici, fragranti e saporite

Tagliolini con sugo di castagne pancetta: ricetta rustica e saporita

Leggi anche
Contents.media