Kebab vegano, ricetta per prepararlo

Una ricetta semplice e sfiziosa per gustare il kebab, anche se vegani.

Per gli amanti del cibo da strada e per coloro che amano mangiare vegano, spiegheremo come preparare in casa il proprio squisito kebab vegano. Mediante un mercato sempre più aperto all’alimentazione cruelty free, i prodotti di origine non animale sono quasi sempre reperibili nei supermercati e questo consente a chiunque, con un po’ di fantasia, di creare ricette sfiziose e stimolanti come questa in totale serenità.

Kebab vegano: gli ingredienti

(per 4 persone)

  • 600 g di seitan fatto a mano;
  • 4 panini tipo tipa;
  • Mezza cipolla rossa;
  • Mezzo cespo di insalata iceberg;
  • 2 pomodori ramati;
  • Paprika dolce q.b.;
  • Cumino q.b.;
  • Pepe nero q.b.;
  • Aglio in polvere q.b.;
  • Basilico q.b.
  • Cipolla in polvere q.b.;
  • Senape q.b.;
  • 250 g di yogurt di soya al naturale;
  • 1 cetriolo;
  • 1 spicchio di aglio;
  • Olio extravergine d’oliva q.b.;
  • Aceto di mele q.b.;
  • Sale q.b.

Preparazione del kebab vegano

  1. Prendere il seitan al naturale e tagliuzzarlo fino ad ottenere degli sfilaccetti, successivamente versarlo in una padella unta d’olio e cucinarlo aggiungendo 100 ml di acqua, fino al completo assorbimento della stessa.
  2. Mentre il seitan è in cottura, aggiungere le spezie in polvere che abbiamo elencato quindi: paprika dolce, cumino, pepe nero, aglio, basilico, cipolla e la senape.
  3. Saltare il risultato ottenuto anche qualche minuto dopo aver spento la fiamma del gas e mettere da parte.
  4. Tagliare, congiuntamente nel tempo, il cespo di insalata iceberg nella forma desiderata, consigliabile è alla julienne (a striscioline sottili), lavate l’insalata e asciugatela. Fare altrettanto con la cipolla.
  5. Mondare e tagliare in fettine da mezzo centimetro i due pomodori, dopo averli accuratamente sciacquati.
  6. Successivamente mondare e tagliare finemente il cetriolo, spostarlo in un colino posto in una ciotola ed eliminare i liquidi in eccesso schiacciando con il dorso di un cucchiaio.
  7. In un’altra ciotola versare lo yogurt di soya, l’olio extravergine, l’aceto e lo spicchio d’aglio tagliato a metà. Unire il cetriolo ed amalgamare bene a cucchiaio, successivamente spostare il composto in frigorifero affinchè riposi circa 30 minuti.
  8. Trascorso il tempo necessario all’equilibratura dell’ultimo composto, eliminare gli spicchi d’aglio precedentemente divisi.
  9. Per assemblare il panino occorre tagliare a metà il panino ed inumidire solo una delle due fette nel seguente ordine: insalata e pomodori, seitan, cipolla tagliata, salsa yogurt.
  10. La successione degli ingredienti è fatta in modo che sia comodo da reggere fra le mani e da degustare senza perderne alcun sapore. In alternativa, per chi non amasse i panini, potrà realizzare una monoporzione nel piatto, da gustare facilmente con la forchetta.

La conservazione del kebab vegano avviene rigorosamente in frigorifero per un massimo di 2/3 giorni, possibilmente in un contenitore chiuso ermeticamente in modo che non prenda troppa aria.

Varianti del kebab vegano

Si raccomanda di sperimentarne le varianti, introducendo noci o frutta a guscio in generale, per variarne la farcitura interna.

A prescindere dall’estetica del piatto assemblato, che potrebbe darla a bere persino ad un carnivoro, questa ricetta a suo modo leggera è un ottimo esempio di come il veganesimo non influenzi più di tanto la creazione di un buon kebab.

Le proteine contenute nel seitan daranno infatti un ottimo apporto nutrizionale, l’insalata sarà fonte di fibre, i pomodori sono noti antiossidanti e le spezie renderanno il tutto più gustoso.

Questa ricetta dal successo assicurato stupirà qualsiasi commensale sia presente ed esalterà il gusto cruelty free dell’alimentazione. Per aumentarne la fattibilità settimanale, si possono introdurre nuovi ingredienti o favorirne uno piuttosto che l’altro a seconda dei gusti personali.

Scritto da Redazione Online

Scrivi un commento

1000

Pasta bottarga e vongole, ricca e appetitosa

Tempura con birra, come preparare la pastella

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.