Muffin al vapore con tè verde e mirtilli, semplice e salutare

Muffin al vapore con tè verde e mirtilli, gusti leggeri e ricercati.

La ricetta che voglio proporti oggi è una ricetta di gustosissimi muffin al vapore con tè verde e mirtilli. Conosciuto e utilizzato da millenni in Asia, il tè verde impazza ed è diventato super popolare anche da noi, tant’è che si moltiplicano i prodotti in cui è presente, soprattutto per le sue proprietà benefiche universalmente riconosciute.

Questo tè viene consumato sin dal XII secolo nei monasteri buddhisti ed è l’unico tè utilizzato per la celebre cerimonia che il giappone riserva a questa bevanda. La sua coltivazione prevede che le foglie di questo pregiatissimo tè non venga esposto alla luce solare diretta e, dopo la raccolta, le sue foglie vengono cotte utilizzando il vapore, essiccate e macinate per ricavarne una polvere impalpabile dal colore verde giada.

Muffin al vapore con tè verde e mirtilli

Questi muffin vi stupiranno con il loro gusto delicato, ma con quella nota erbacea data dal tè matcha, che si sposa perfettamente con i mirtilli, creando un connubio davvero molto interessante. Se siete abbastanza curiosi, non vi resta che continuare a leggere e provare a realizzare questa ricetta. Le vostre colazioni non saranno più le stesse e sarete pronti a cominciare la giornata con una marcia in più.

Ingredienti

  • 200 gr.

    di farina 00;

  • 50 gr. di farina di riso;
  • 100 gr. di zucchero;
  • bustina di lievito per dolci;
  • vasetto di yogurt greco;
  • una tazza di mirtilli;
  • 1 cucchiaio di tè matcha in polvere;
  • 2 uova;
  • Mezzo bicchiere di olio di semi di girasole;
  • La scorza grattugiata di un lime.

Procedimento

  1. Prima di tutto, sgusciamo le uova e sbattiamole con uno sbattitore o una frusta insieme allo zucchero fino a che il composto non avrà incorporato abbastanza aria e risulterà leggermente montato.
  2. Fatto questo, aggiungiamo il vasetto di yogurt e, quando sarà ben amalgamato agli altri due ingredienti, versiamo l’olio poco a poco, per non smontare il composto, sempre continuando a sbattere.
  3. Ora aggiungiamo il tè fino a farlo completamente dissolvere e la scorza del lime e, successivamente uniamo, poco alla volta, le farine setacciate insieme al lievito. Quando anche le farine saranno amalgamate e l’impasto risulterà liscio e cremoso, incorporavi delicatamente anche i mirtilli.
  4. Ora non vi resta che trasferirlo in uno stampo per mufffin, nel quale avrete inserito dei pirottini e riempiteli fino ai ¾, onde evitare che in cottura escano fuori dallo stampo lievitando.
  5. Infornate i vostri muffin in forno preriscaldato a 180° per circa 25-30 minuti, controllando di tanto in tanto. Passati i 30 minuti, estraeteli e fare la “prova stecchino” per verificare che siano effettivamente cotti.
  6. A cottura ultimata, sfornateli e lasciateli raffreddare. Una volta freddi, i fantastici muffin al tè matcha e mirtilli sono pronti per essere gustati, magari accompagnati da un’ottima tazza di tè!

Il tè matcha e le proprietà benefiche

Il più prezioso tra tè verdi, il tè matcha si è guadagnato il posto più speciale: la famosissima cerimonia del tè che in Giappone rappresenta un vero e proprio rito ed ha un enorme valore simbolico.

Viene eletto a prodotto di eccellenza e non ha caso è il più costoso tra tutti i tipi di tè verde giapponese e anche quello considerato di maggior pregio. Ha un contenuto molto elevato di teina, tant’è che viene utilizzato ancora oggi dai monaci buddhisti per restare svegli e concentrati durante le loro lunghissime meditazioni.

Oltre a ciò, ha un elevatissimo potere antiossidante, grazie all’alta percentuale di clorofilla e di polifenoli in esso contenuti. Contribuisce a contrastare i radicali liberi che causano l’invecchiamento ed ha anche un elevato potere disintossicante per l’organismo. Non a caso, la popolazione giapponese che ne fa un larghissimo uso, è una delle popolazioni più longeve ed in salute.

Il suo impiego in cucina non si limita solo alla preparazione di dolci, ma può essere impiegato anche in ricette salate, come nell’impasto di panini, per insaporire piatti di pesce grazie al suo sentore erboso, nelle vellutate e perché no anche per aromatizzare la maionese. Le vostre papille gustative e la vostra salute vi ringrazieranno.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rimettersi in forma dopo l’estate: top 10 dei cibi consigliati

Dieta pancia piatta, che cibi consumare dopo le vacanze

Leggi anche
Contents.media