La ricetta del calzagatti: un piatto tipico modenese

Una ricetta tipica della città di Modena, nata per caso e con una leggenda alle spalle. Scoprite la ricetta del calzagatti modenese.

Stampa
1344 768 11 17 58 42 4 226011

Ricetta del calzagatti: un piatto tipico della cucina modenese


12345 (nessun voto)Loading...

  • Tempo di prep.: 1 ora
  • Tempo di cottura: 1 ora
  • Tempo totale: 2 ore
  • Difficoltà: Facile
  • Dieta: Vegetariana

Descrizione

La storia del calzagatti modenesi ha le sue origini in una leggenda popolare che narra di un curioso incidente culinario, accaduto a una cittadina di Modena.

Mentre era intenta a preparare la polenta, la donna inciampò sul suo gatto e i fagioli finirono nel paiolo. Da quell’errore casuale nacque un piatto tipico della tradizione modenese, che oggi viene apprezzato per la sua semplicità e sapore unico.


Ingredienti

  • 400 g di farina da polenta
  • 300 g di fagioli borlotti secchi sgranati
  • 150 g di pomodori pelati
  • 80 g di pancetta
  • 1 cipolla piccola
  • burro
  • aglio
  • sale
  • pepe
  • rosmarino
  • strutto o olio vegetale per friggere

Istruzioni

  1. In un tegame, preparate un soffritto con un fondo di burro, la pancetta tagliata a dadini e la cipolla. Fate soffriggere e poi abbassate la fiamma, aggiungendo i pomodori pelati e il rosmarino.
  2. Passati 10 minuti, unite i fagioli scolati e lasciate cuocere per circa 20 minuti. Nel frattempo, versate l’acqua di cottura dei fagioli in una pentola, aggiungendone di nuova, e portatela a bollore.
  3. Versate la farina gialla, mescolando vigorosamente e frequentemente, così che non si formino grumi.
  4. Aggiungete i fagioli e cuocete altri 10 minuti a fuoco basso.
  5.  Dopo aver spento e fatto raffreddare la polenta, tagliatela a quadratini e friggetela nello strutto o nell’olio bollente, dopo averla impanata in altra farina gialla.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I migliori pub di Dublino: la lista dei locali più amati

I migliori caffè di Vienna in cui mangiare la Sacher: la top five

Leggi anche