Bevande naturali: tutto quello che c’è da sapere sul caffè sostenibile

Quello di prendere un caffè è un gesto molto semplice che la maggior parte delle persone compie ogni giorno per iniziare la giornata, per prendersi una pausa dal lavoro, per completare un pasto o per contare su una ricarica energetica nei momenti di maggiore stanchezza.

Al giorno d’oggi è possibile trasformare questa abitudine in un’occasione per prendersi cura dell’ambiente e accrescere il commercio equo e solidale optando per il caffè sostenibile: un’alternativa naturale che al tempo stesso permette di non rinunciare al gusto e alla qualità che contraddistinguono questa iconica bevanda.

Il caffè sostenibile: l’offerta del mercato

Al giorno d’oggi sul mercato sono disponibili numerose varietà di caffè sostenibile, soprattutto presso i portali e-commerce specializzati nella vendita di prodotti green come Pensoinverde.

Infatti, sullo store è possibile trovare a prezzi concorrenziali tanto capsule compostabili ecologiche, quanto cialde compostabili ecologiche così come caffè sostenibile per moka.

Naturalmente, anche gli amanti di caffè decaffeinato, orzo e ginseng possono compiere una scelta sostenibile: i migliori e-commerce specializzati, infatti, mettono a disposizione capsule biodegradabili e compostabili con cui è possibile preparare in pochi minuti anche queste bevande.

A prescindere dalla soluzione prescelta, optando per il caffè sostenibile si ha la possibilità di bere un prodotto di qualità, dal packaging ecologico, realizzato senza inquinare l’ambiente e senza danneggiare le risorse naturali che ne permettono la coltivazione.

Per quanto riguarda le capsule, su portali specializzati come Pensoinverde è possibile trovare prodotti compatibili con qualsiasi tipo di macchinetta, caratterizzati dagli aromi più diversi.

Tra i principali marchi che producono caffè sostenibile è possibile annoverare Madreterra Caffè, Natù e Foodness, tutte aziende italiane che hanno a cuore l’ecologia e la crescita sociale.

Infatti, si tratta di realtà costantemente impegnate a garantire che i diritti dei lavoratori vengano sempre rispettati e che non ci siano forme di sfruttamento dietro la produzione e la messa in vendita dei loro articoli.

Perché acquistare il caffè sostenibile

Tra gli ulteriori vantaggi offerti dal caffè biodegradabile c’è quello dello smaltimento delle capsule e delle cialde post utilizzo: infatti, possono essere gettate nell’umido in quanto non costituiscono un pericolo per l’ambiente e permettono di contrastare l’aumento dei rifiuti di natura plastica e in alluminio.

Inoltre, è bene ricordare che il caffè sostenibile viene prodotto senza l’utilizzo di pesticidi e di sostanze chimiche e le coltivazioni vengono difese usando metodi naturali. Questo significa che non solo si riduce la possibilità di inquinare e danneggiare le località di produzione, ma permette al futuro acquirente di bere una bevanda non trattata, del tutto naturale.

Per quanto riguarda nello specifico il caffè da preparare con la moka, è possibile acquistarne di diversi tipi e intensità: per esempio, su portali come Pensoinverde si può scegliere quello monorigine, che prevede la raccolta e la lavorazione di un prodotto proveniente da un’unica area geografica certificata.

Comprare questa particolare tipologia aiuta a far crescere piccole realtà locali che ancora oggi coltivano il caffè in modo tradizionale, incoraggiando la produzione spontanea ed evitando di intervenire con ausili chimici.

In questo modo si vanno a privilegiare i piccoli produttori che devono sempre lottare per affermarsi in un mercato fortemente competitivo, che spesso, tuttavia, non è in grado di offrire prodotti sostenibili e di pari qualità

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Specialità di pesce: alcune ricette facili e veloci

Come conservare il pesto: consigli e accorgimenti semplici

Leggi anche
Contents.media