Caffè o succo di frutta: qual è il più salutare?

Pare ovvio che la risposta sia un succo. Ma quando leggiamo gli studi scientifici, ci vengono rivelate informazioni sorprendenti.

Una bibita è composta di frutta. L’altra ha la caffeina. Quindi un succo sembra una scelta più salutare di un caffè, no? “Non ne sono tanto sicuro”, risponde il reporter esperto in tematiche mediche, Michael Mosley, mentre valuta il problema.

Cos’è più salutare? Il caffè o i succhi concentrati?

Sembra ovvio che la risposta debba essere un succo. Dopotutto, il consumo di caffè è un male necessario, così come bere un succo, a base di frutta, fa parte della regola “frutta 5 volte al giorno”. Ma quando leggiamo gli studi scientifici, questi ci rivelano informazioni sorprendenti.

Caffè: più benefici che pregiudizi

caffc3a8

Ci sono state molte lamentele nel corso degli anni sul consumo del caffè che aumenta il rischio di tutta una serie di malattie terribili, dalla malattie cardiache al cancro.

Queste informazioni si basano soprattutto sugli studi, dove si prende un gruppo di persone che beve caffè e si paragona con un altro gruppo simile che non lo beve. Il problema di questa idea è che i consumatori di caffè hanno più probabilità di avere altre “cattive” abitudini – come bere alcool o fumare – rispetto agli altri che non lo bevono, ed è quindi difficile identificare cosa stia facendo veramente male. Un modo per avere dei risultati concludenti è fare quello che si chiama “uno studio di coorte prospettico”.

In altre parole, si prende un gruppo di individui sani, si raccolgono dati su di loro per poi passare a un tracciato lungo un arco temporale per verificarne lo sviluppo.

Quando gli scienziati raccolsero dati sulle abitudini di consumo di caffè di 130.000 uomini e donne e poi gli seguirono per più di 20 anni, riscontrarono che il caffè era meglio di ciò che si aspettava. Lo studio, “The Relationship of Coffee Consumption with Mortality” (La relazione del consumo di caffè con la mortalità) non associò “il regolare consumo di caffè con un maggior tasso di mortalità” negli uomini o nelle donne).

I dati di questa ricerca, pubblicata nel 2008, suggerirono che un moderato consumo di caffè è leggermente protettivo, cioè che porta alla diminuzione – anche se di poco – di tutte le cause di mortalità nei bevitori di caffè, più che in quelli che non lo consumano.

In base a questo e ad altri studi, la “dose” raccomandata è di due o tre tazzine al giorno. Se ne viene consumata maggior quantità, “i benefici spariscono”. Ci sono centinaia di sostanze differenti nel caffè, inclusi molti composti flavonoidi differenti, che si trovano maggiormente nelle piante e che hanno effetti antiossidanti.

Ma quale di questi ingredienti fa bene? Non lo sappiamo, semplicemente.

Inoltre, in una ricerca pubblicata nel luglio del 2013 sulla rivista World Journal of Biological Psychiatry si scoprì che le persone che bevevano da due a quattro tazzine di caffè al giorno con caffeina avevano la metà delle probabilità di suicidarsi di quelli che bevevano decaffeinato, ovvero, meno di due tazzine al giorno. Questa ricerca riunì dati di tre studi che avevano portato a termine il tracciato di più di 200.000 persone nell’arco di 14 anni e più. Una delle ragioni per cui la caffeina può essere un antidepressivo leggero è che, oltre ad intensificare lo stato di allerta, aumenta il livello dei neurotrasmettitori nel cervello, come la dopamina e la serotonina, che sono famosi per migliorare lo stato d’animo.

Succo di frutta: cattive notizie

succhidifrutta_male_come_bevandegassate_1-470x297

Ma, allora, cosa succede con i succhi di frutta?

Anche se composti da frutta, nel momento in cui uno si disfa della buccia e sopprime le fibre, si perdono molti dei potenziali benefici per la salute. Quello che ne resta è , soprattutto, una bevanda zuccherata. In uno studio pubblicato agli inizi del 2013, i ricercatori riscontrarono che di 52 frullati commerciali, 41 contenevano più zucchero della Coca-Cola, e tutti possedevano più calorie. Inoltre, i succhi di frutta sono acidi e la polpa resta tra i denti, il che non entusiasma nemmeno i dentisti. Una mela al giorno leva il medico di torno, ma non quando la si è sbucciata, mixata, tritata e imbottigliata. In generale, diverse ricerche hanno comprovato che mentre mangiare frutta ha proprietà benefiche, berle produce l’effetto contrario.

Tra gli altri esempi, uno studio pubblicato nell’agosto del 2013 sul British Medical Journal, sul rischio del consumo di frutta e i rischi di diabete di tipo 2, ha rivelato che, nonostante mangiare frutta riduca il rischio di sviluppare il diabete, berla sembra aumentarlo. Questo enorme studio incluse un tracciato durato per anni su un gran numero di persone. Diversi tipi di frutta diedero differenti livelli di beneficio. Tre porzioni di mirtilli, per esempio, riducevano il rischio di diabete al 26%, mentre mele, pere, banane e pompelmi ebbero un effetto positivo molto più ridotto.

In generale, quelli che mangiarono frutta ridussero il loro rischio di sviluppare diabete a un 2%, mentre quelli che la bevvero (più di tre bicchieri di succo di frutta alla settimana) lo aumentarono fino all’8%. D’altra parte, una ricerca su 2.000 casi nella regione dell’Australia Occidentale che studiò le diete giornaliere, portò notizie maggiormente peggiori per i consumatori di succhi concentrati. Si dimostrò che il consumo di alcuni tipi di frutti e verdure (come il cavolo, i broccoli, il cavolfiore o le mele) riduceva il rischio di cancro al colon, mentre assumerli allo stato liquido comportava maggiori rischi. Le bibite zuccherate portano a livelli elevati dell’ormone insulina e la persistenza di alti livelli in questa sono comportano a un maggior rischio di vari cancri. Molte delle proprietà che proteggono dal cancro intestinale, come gli antiossidanti e le fibre, si perdono o diminuiscono durante il processo di pressatura.

Nessuno di questi studi analizzò nello specifico i benefici di salute dei succhi di frutta, che sono un fenomeno relativamente recente, né ricercò l’impatto dei differenti tipi di succhi – per esempio, se era spremuto da poco o concentrato, se erano fatti in casa o comprati al negozio. Pensiamo, ad esempio, al fatto che consumare un frullato di verdura o frutta fatto in casa sarà sicuramente meglio di un frullato di frutta concentrato.

Detto questo, è raccomandabile consumare un buon frutto anziché un succo e alleggeriamo le pesanti accuse rivolte al caffè!

Scritto da Redazione Food Blog
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

cibi che devi smettere di comprare e iniziare a fare a casa!

Le 10 migliori trattorie di Roma

Contents.media