Notizie.it logo

Come cuocere le tigelle senza tigelliera

Come cuocere le tigelle senza tigelliera

Le tigelle sono delle piccole focacce di forma circolare, vediamo come cuocere le tigelle senza tigelliera. Le tigelle o crescentine sono focacce tipiche dell’ Appennino modenese.

Si chiamano anche crescentine, in virtù del loro impasto che lievita e quindi cresce. In tempi antichi le tigelle venivano cotte sopra dei dischi di pietra refrattaria o dei dichi di terracotta.

Se non si ha in casa la tigelliera, le tigelle possono essere cotte tranquillamente in una crepiera, in una padella antiaderente o al forno. Se si decide di cuocere le tigelle al forno bisogna ricordarsi di preriscaldare il forno a 200 gradi.

Ricetta tigelle. Ingredienti per circa 20 tigelle

  • Latte 300 gr
  • Acqua 200 gr
  • Strutto 60 gr
  • Farina tipo 0 250 gr
  • Sale 1 cucchiaino
  • Farina tipo 00 500 gr
  • Lievito di birra disidratato (o di birra fresco 7 gr) 3 gr
  • Olio di oliva extravergine 50 gr

Preparazione. Mettere in una ciotola la farina, il latte, il lievito e lo strutto.

Impastare. Versare oli ed acqua e impastare di nuovo, aggiungere il sale. Una volta che l’impasto è diventato compatto, smetterlo in un contenitore e coprirlo con la pellicola trasparente. Lasciar riposare a temperatura ambiente per 2 ore. Trascorse le due ore, mettere in frigorifero per altre 8 ore. Terminata la lievitazione, mettere l’impasto su una spianatoia e stendere con il mattarello, fino ad arrivare ad uno spessore di circa 5 cm. Ricavare poi dei dichi, fino ad ottenere circa 20 crescentine. Cuocere nei modi sopra indicati.

Le tigelle si conservano in frigo per 4/5 giorni, coperte con la pellicola trasparente. Possono anche essere congelate in freezer negli appositi sacchetti per alimenti.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000

Leggi anche