Notizie.it logo

Come sostituire il latte in polvere nelle ricette

Come sostituire il latte in polvere nelle ricette

Il latte in polvere, anche conosciuto come latte liofilizzato, è un ingrediente molto utilizzato in cucina soprattutto grazie alla sua maggiore praticità rispetto al latte fresco. A differenza di quest’ultimo infatti, ha dei tempi di conservazione decisamente più lunghi, ma questo non ne compromette il sapore del tutto simile a quello del latte liquido.

Proprio per questo motivo, il latte in polvere è presente in tantissime ricette di pasticceria, tuttavia molto spesso le nostre dispense non ne sono fornite. Rinunciare alla preparazione di un succulento dolce quando si è privi di un solo ingrediente però, è davvero un peccato, per questo Sapori Nuovi è qui per darvi una serie di consigli per la sostituzione del latte in polvere nelle ricette.

Prima però vediamo di capire come è fatto il latte in polvere e che cos’è.

Cos’è il latte in polvere

Cos'è il latte in polvere

Il latte in polvere altro non è se non il comune latte vaccino disidratato. Il processo di disidratazione avviene ad altissime temperature, ed è questo che consente di ottenere una polvere molto sottile e solubile. Derivando direttamente dal latte vaccino liquido, anche quello in polvere è di tre tipologie: intero, parzialmente scremato e scremato, ognuna delle quali ha un differente apporto calorico.

Molto spesso quando si parla di latte in polvere si pensa che si tratti di un latte esclusivamente destinato al consumo da parte dei neonati, per questo è sempre bene puntualizzare che in commercio esiste sia un latte in polvere per adulti che uno per bambini. Sono entrambi prodotti liofilizzati ma davvero molto differenti dal punto di vista nutritivo: quello per adulti è semplicemente un latte privato della sua acqua, mentre quello per i più piccini è integrato con proteine, sali minerali, fibre alimentari, vitamine e tanto altro, al fine di renderlo quanto più simile al latte materno.

Utilizzi del latte in polvere

Utilizzi del latte in polvere

Come già accennato sopra, il latte in polvere è davvero molto utilizzato sia a livello industriale che artigianale e domestico.

Il latte in polvere infatti, è ampiamente usato nell’industria dolciaria e nella produzione sia artigianale che industriale dei gelati, in più può rivelarsi davvero un “comodo” ingrediente salva-spazio in casa, ma anche in tutti i luoghi chiusi come ad esempio gli uffici, perché non richiede nessuna particolare accortezza per la sua conservazione.

Proprietà del latte in polvere

Proprietà del latte in polvere

I motivi dei suoi utilizzi, sia nell’industria che a livello domestico, sono legati principalmente ad alcune sue proprietà e caratteristiche:

  • ha la capacità di ammorbidire i dolci secchi come biscotti e prodotti da forno in generale;
  • se utilizzato nell’impasto “a secco” favorisce la cottura del dolce;
  • permette di raggiungere più facilmente la giusta consistenza degli impasti.

Inoltre non è assolutamente da sottovalutare l’aspetto della maggiore praticità, trattandosi di un prodotto che ha una scadenza davvero lunga (per il latte in polvere scremato si può arrivare persino ai 2 anni) e che può conservarsi per molto tempo anche una volta aperto, a differenza di quanto avviene con il latte liquido.

Sostituire il latte in polvere

Come sostituire il latte in polvere con il latte liquido

Anche se ormai i supermercati sono sempre più forniti, di certo la reperibilità del latte liquido è maggiore rispetto a quella del latte in polvere. Molte ricette, soprattutto di dolci, hanno tra gli ingredienti principali proprio il latte in polvere, in quanto si tratta di un prodotto in grado di rendere più morbido l’alimento e meno liquido l’impasto. Se doveste essere privi di una confezione di latte in polvere nella vostra dispensa, tuttavia, sarebbe davvero un peccato rinunciare alla preparazione di una golosa ricetta.

Inoltre, nonostante l’utilizzo del latte liofilizzato possa risultare molto comodo, è bene ricordare che è sempre preferibile utilizzare il latte liquido, in particolare modo quello fresco, per la minore presenza di conservanti.

Sostituire il latte in polvere è davvero molto semplice, tutto quello che dovrete fare sarà moltiplicare per 10 la dose di latte in polvere indicata.

Ad esempio, se nella ricetta originale sono previsti 300 ml. di acqua e 10 gr. di latte in polvere, potremo sostituirli con 100 ml. di latte liquido (10×10).

E poiché il latte liquido è composto per il 90% di acqua, alla quantità di acqua prevista dalla ricetta originaria (in questo caso 300 ml.) andrà sottratto 90, al fine di capire quanta ulteriore componente liquida aggiungere in caso di sostituzione del latte in polvere con il latte liquido.

Quindi alla fine otterremo una ricetta in cui utilizzare 100 ml di latte liquido e 210 ml di acqua.

Non spaventatevi nel sentir parlare di moltiplicazioni e sottrazioni, si tratta sempre di cucina e vi assicuriamo che è più semplice di quel che può sembrare.

L’importante è tenere sempre a mente questa piccola equazione:

latte in polvere x 10= latte liquido equivalente

acqua – 90= quantità di acqua da sostituire

Tenendo a mente questo piccolo trucchetto, potrete riprodurre a casa vostra tutte le ricette che vorrete, cucinando in maniera artigianale molti prodotti dolciari industriali.

Che aspettate a fare i conti e a cucinare?

© Riproduzione riservata

1
Scrivi un commento

300

1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Afrodite

Salve, la mia ricetta prevede 200 g di li.co.li 15g di latte magro in polvere e 100 g di latte intero, quindi non prevede acqua, come posso sostituire il latte in polvere e i liquidi. Grazie mille

Leggi anche