Prodotti sottolio e giardiniera di verdure: come si preparano

| |

Un antipasto molto amato nelle cucine italiane è la giardiniera di verdure, accompagnato da prodotti sottolio.

Tra i contorni più amati e popolari della cucina italiana non possono mancare i prodotti sottolio e la giardiniera di verdure. Si tratta di alimenti dal sapore deciso che, accompagnati da crostini, carne e insalate, danno al pasto originalità e gusto.

Prodotti sottolio e giardiniera di verdure

In Italia siamo abituati a vedere nelle nostre dispense le famose conserve di sottoli, sottaceti, e di giardiniere. Nella tradizione, questi vasetti pieni di colori venivano realizzati dalle nostre nonne con verdure, ortaggi e tanto altro. Ma come si preparano?

Sono tanti i vantaggi delle conserve sott’olio, prima tra tutte la possibilità di avere a disposizione i prodotti durante tutto l’anno, anche quando determinati alimenti sono fuori stagione. Tuttavia, le conserve sottolio presentano un alto contenuto di grassi, quindi vanno consumati con parsimonia.

Cosa sono i prodotti sottolio

Il sott’olio è una tipologia di conservazione particolarmente diffusa in ambito casalingo per verdura o pesce. L’alimento, infatti, è cotto e poi immerso nell’olio in modo da creare un ambiente privo di ossigeno.

giardiniera

Come si preparano

Per realizzare dei sottoli è necessario utilizzare barattoli perfettamente puliti e chiuderli ermeticamente per procedere alla fase di sterilizzazione. Questo processo avviene in pentole in cui i vasi sono immersi nell’acqua bollente, avvolti in stracci per evitare che cozzando tra loro si sgheggino.

Durante la preparazione è importante che gli alimenti siano immersi completamente nell’olio, per evitare che alcune parti possano entrare a contatto con l’aria, rendendo inefficaci i processi antibatterici.

Dopo aver pulito, lavato e tagliato a tocchetti non troppo piccoli gli ortaggi, questi devono rimanere in un recipiente per alcune ore in modo da perdere parte dell’acqua da cui sono composti. Verranno, poi, versati in una mistura di acqua salata e aceto di vino bianco da portare ad ebollizione e mantenerla per alcuni minuti.

Per quanto riguarda le cipolline e i cetriolini bisogna scottarli precedentemente in aceto puro. Carote e sedani, invece, devono essere cotti per pochi minuti, in modo da mantenere una certa croccantezza. Al termine della cottura gli ortaggi vengono scolati e messi in vasi di vetro con chiusura ermetica.

A questo punto, le verdure verranno poi ricoperte da aceto e olio bolliti insieme. I vasi devono essere riposti in luogo fresco e buio. La giardiniera è pronta per il consumo dopo almeno un mese dal confezionamento e si conserva per circa un anno.

sottolio

Tipologie

La conservazione con olio è tipica degli ortaggi come carciofini, funghetti, piselli, peperoni e melanzane, ma si pratica anche per alcune tipologie di pesci. Se si utilizza un buon olio d’oliva, il sapore del prodotto sarà sicuramente migliore.

La giardiniera di verdure miste sottolio sono, invece, un contorno croccante, leggero e gustoso, ideale per arricchire di gusto anche i panini imbottiti. Gli ortaggi utilizzati per preparare la giardiniera sono: carote, sedani, cavolfiori, cipolline, peperoni e cetriolini.

La Giardiniera di Morgan propone diverse tipologie di giardiniera e di prodotti sott’olio, realizzati con prodotti freschi e genuini. Tra i must più appetitosi spicca la Giardiniera di Morgan in agrodolce con peperoni rossi e gialli, cavolfiori, finocchi e carote, perfetta da abbinare a salumi di tradizione e pesci al forno, lessi o bolliti.

Altra giardiniera squisita, perfetta con salumi di tradizione crudi e cotti e con i bolliti di carne, è la Giardiniera di Luciana. Questa è composta da cipolla bianca, sedano, peperoni rossi e gialli, carote, finocchi e cavolfiori,e maturati nella bagna agrodolce e invasati con l’aggiunta di olio misto.

Scrivi un commento

1000

Torta gelato: la ricetta facile

Ciliegie cotte al vino rosso: facili e veloci da preparare

Leggi anche
Follow, Sponsor
Entire Digital Publishing - Learn to read again.