Cibi surgelati: le cose da sapere per una corretta alimentazione

Con il passare del tempo sono nati moltissimi falsi miti sui cibi surgelati e proprio per questo oggi faremo un po’ di chiarezza.

I cibi surgelati sono ormai entrati a far parte delle abitudini alimentari della maggioranza degli italiani. Secondo le ultime statistiche, in tutte le famiglie vengono consumati prodotti di questo tipo almeno una volta alla settimana, principalmente per motivi di praticità e di tempo. Effettivamente, il grande vantaggio dei cibi surgelati è proprio questo: sono praticamente pronti all’uso, non occorre fare nulla se non procedere con la cottura come indicato dalla confezione. Un’indagine condotta da Doxa per conto dell’Istituto Italiano Alimenti Surgelati ha evidenziato però che sono ancora pochi i consumatori consapevoli di quello che acquistano e delle caratteristiche dei prodotti surgelati che consumano quotidianamente.

Con il passare del tempo sono nati moltissimi falsi miti sui cibi surgelati e proprio per questo oggi faremo un po’ di chiarezza.

Cibi surgelati: una valida alternativa a quelli freschi

I cibi surgelati rappresentano oggi una validissima alternativa a quelli freschi. È importante precisare che la surgelazione, che avviene in breve tempo e temperature molto basse, è un metodo di conservazione naturale che consente di “bloccare” tutte le caratteristiche naturali e nutrizionali del prodotto, preservandone la qualità.

C’è surgelato e surgelato: l’importanza della qualità

Così come avviene per il fresco, anche nel surgelato esistono delle grandi differenze tra i vari prodotti che si trovano in commercio. È dunque importante leggere sempre le etichette, in modo da controllare la provenienza delle materie prime, che dovrebbero essere coltivate con tecniche sostenibili e controllate.

Prendiamo ad esempio il classico minestrone di verdure: uno degli alimenti surgelati più diffusi e consumati anche perché prepararlo fresco comporta una grande perdita di tempo. Lo si trova al supermercato di vari marchi e non si possono considerare tutti uguali dal punto di vista qualitativo. Il Minestrone Tradizione Findus ad esempio è uno dei migliori, perché le verdure sono 100% italiane, con eccellenze IGP e DOP e surgelate entro poche ore dalla raccolta. Questo permette di mantenere intatte le proprietà nutritive ed è un dettaglio fondamentale.

Altri minestroni surgelati che si trovano in commercio contengono invece verdure di dubbia provenienza, coltivate magari con metodi non sostenibili e qualitativamente inferiori.

Cibi surgelati: privi di conservanti per legge

Tra i vari falsi miti che circolano ancora oggi ce n’è uno che è proprio privo di qualsiasi fondamento. In molti sono convinti che i cibi surgelati contengano conservanti aggiunti, ma è assolutamente falso ed è anche per questo che conviene preferirli a quelli in scatola per esempio. In qualsiasi alimento che sia surgelato non è possibile, per legge, aggiungere conservanti dunque non ci si deve preoccupare di quest’aspetto.

FONTI: https://www.lacucinaitaliana.it/news/salute-e-nutrizione/falsi-miti-surgelati/

Scritto da Redazione Food Blog
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come fare le fettuccine all’Alfredo: ingredienti e preparazione

Trofiette in salsa di noci con scampi e olive taggiasche: la ricetta

Leggi anche
Contents.media