Prezzo cena Da Vittorio: costo del menù degustazione e alla carta

Quanto costa cenare Da Vittorio, lo storico ristorante stellato condotto dai fratelli Cerea: i prezzi del menù degustazione e alla carta.

Da Vittorio è un ristorante storico a conduzione famigliare con sede principale a Brusaporto, un piccolo comune in provincia di Bergamo, fondato da Vittorio Cerea nel 1966. Oggi Da Vittorio è un ristorante a conduzione familiare la cui attività è portata avanti dai fratelli Cerea, vanta 3 stelle Michelin e rappresenta un punto di riferimento per l’eccellenza gastronomica italiana.

I piatti firmati da Enrico e Roberto Cerea omaggiano la tradizione lombarda senza rinunciare all’espressione del genio creativo, con un’apertura costante verso le nuove frontiere della cucina, improntate al benessere e alla sostenibilità.

Quanto costa una cena al ristorante stellato da Vittorio?

Se si sceglie di cenare per la prima volta nel ristorante Da Vittorio e si vuole godere di un’esperienza culinaria quanto esaustiva possibile, è consigliabile optare per uno o più menù degustazione, i quali vengono serviti in condivisione con tutto il tavolo.

Scelta indicata specialmente per una cena intima tra pochi commensali.

In alternativa, è sempre possibile ordinare dal menù alla carta, tra una selezione di antipasti, primi piatti e secondi piatti che possono variare in base alla stagionalità dei prodotti e alla loro disponibilità.

Prezzi dei menù degustazione

Il Ristorante Da Vittorio propone 4 menù degustazione, in cui prezzo è da intendersi per tavolo, vini e bevande escluse:

  • Gli esordi di papà Vittorio: 8 portate in tributo a Vittorio Cerea, al prezzo di 240 euro.
  • Dalla nostra campagna: 8 portate a base di verdure dell’orto al prezzo di 200 euro.
  • Carta Bianca: 16 portate creative da cui lasciarsi sorprendere al prezzo di 330 euro.
  • Nella tradizione di Vittorio: 8 portate a base di pesce e crostacei freschi, che includono i famosi paccheri, al prezzo di 260 euro.

Prezzi del menù alla carta

I prezzi dei piatti proposti nel menù alla carta variano dai 60 ai 160 euro per gli antipasti e dai 60 agli 80 euro per i primi e i secondi piatti.

Il prezzo del coperto è di 7 euro a persona, e sempre per 7 euro è possibile richiedere una selezione di formaggi.

Per quanto riguarda i dolci, il prezzo è di 15 euro per le Piccole Dolcezze e di 25 euro per i restanti dessert.

La famosa cotoletta di fassona piemontese, nota come orecchia di elefante per la sua notevole dimensione (circa 2,5 kg) è disponibile solo su prenotazione. Il costo è presumibilmente di 180 euro.

Scritto da Angelica Mocco
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cheesecake senza base: ricetta alternativa semplice e gustosa

Frittata di zucchine con solo l’albume: leggera e saporita

Leggi anche
Contents.media