Ricetta della cassoeula milanese light: storia e preparazione

La Cassoeula è un piatto tipico invernale della tradizione lombarda tra gusto, calorie e sapori decisi. É possibile realizzare la cassoeula anche in versione light. Oggi, è un piatto non più povero ma apprezzatissimo, cucinato in più versioni nelle case ma anche dai grandi chef.

La Cassoeula milanese, un accenno di storia

Preparata con gli scarti del maiale e con le verze, questo piatto ha origini molto antiche. Deriva dall’usanza di non sprecare mai niente, vista la poca abbondanza che regnava tra le tavole. Il maiale, ad ogni modo, è un animale del quale si utilizza davvero tutto, anche a livello non alimentare, e questo anche ai giorni nostri.

In origine, parti come orecchie, codino, cotenne e costine venivano cotte nelle case contadine insieme alle verze, una verdura presente in abbondanza tra i campi del milanese. In questo modo si cucinava un piatto caldo, calorico ma anche gustoso. Utilissimo per affrontare le giornate di lavoro e il ghiaccio pungente tipico della stagione invernale.

cassoeula

Il piatto è conosciuta anche come casoeula, casoeûla, cassuola o cazzuola ma anche cassoeura o casöra e deve il suo nome molto probabilmente alla casseruola, ovvero la pentola in cui veniva cucinata.

Come molti piatti nati dalla tradizione contadina, anche la cassoeula milanese è poi rientrata con onore tra i piatti più prelibati. É un piatto che può essere consumato a casa come nei ristoranti, nonostante rimanga una preparazione altamente calorica e impegnativa.

Ad oggi viene preparata anche in versione più leggera, in modo da assaporare ugualmente la bontà di questo piatto senza il rischio di assumere al tempo stesso troppi grassi. Di seguito la ricetta per realizzarla in modalità light.

Ingredienti

  • Salsicce 300 grammi
  • Guanciale 100 grammi
  • 6/8 verzini
  • Costine magre 300 grammi
  • Verza 1 chilo
  • Carote 1
  • Sedano 1 gambo
  • Cipolle 1
  • Brodo vegetale q.b.
  • Concentrato di pomodoro 1 cucchiaio
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe a piacere

Informazioni

Porzioni: 6
Tempo di preparazione: 00:30
Tempo di cottura: 00:20
Tempo totale: 01:00

Preparazione

  1. Per prima cosa sbollentate la verza per qualche minuto in abbondante acqua salato, dopo aver eliminato la parte centrale più dura.
  2. Mettete poi a rosolare in padella i verzini, le costine e le salsicce tagliate a pezzettoni per circa 10 minuti, prestando attenzione a bucherellare la carne per far uscire i liquidi grassi.
  3. Una volta cotta la carne si tampona con carta assorbente e si mette da parte.
  4. Tagliate la carota, la cipolla e il sedano e preparate un soffritto, fate rosolare in padella a fuoco vivace per qualche minuto
  5. Dopo di che aggiungete il guanciale; fate cuocere qualche altro minuto e poi aggiungete tutta la carne precedentemente preparata, la verza e il concentrato di pomodoro.
  6. Aggiustate di sale e pepe, e lasciate cuocere per circa 20 minuti. La coassoeula è pronta e si può servire accompagnata da polenta.
Questa versione più leggera rimane comunque un piatto ricco. Non si può dire che sia indicato nelle diete, ma durante una fredda giornata invernale mette sicuramente energia e tanto gusto. Per accompagnare la Cassoeula si può bere un vino robusto, ad alta tannicità, come il Blasio o il Cannonau di Sardegna. Con le loro note intense e dai sentori di frutti di bosco, si sposano benissimo col dolciastro delle carni di maiale. cassoeula Non va escluso però anche l'accostamento con lo Chardonnay, come ad esempio un Càralis o con un Brut metodo classico, per contrastare con un sapore fresco e floreale il sapore delle verze e quello forte delle parti del maiale. Buon appetito!  
Scritto da Sabrina Rossi
Contents.media