Roberto Ingoglia: l’imprenditore di Partanna è un grande appassionato di vino

Il suo ruolo lo ha portato spesso a viaggiare e per Roberto Ingoglia questa è stata un’occasione in più per avvicinarsi al mondo del vino, riscoprendo una passione nata in tenera età. 

Sono più di 800 le bottiglie che Roberto Ingoglia custodisce con cura nella sua cantina: etichette provenienti da tutte le regioni italiane ma non solo. Qualche vino pregiato, l’imprenditore originario di Partanna in provincia di Trapani, ha avuto modo di acquistarlo durante le sue trasferte di lavoro.

Parliamo d’altronde del fondatore della Energy Italy Spa: azienda ormai leader per quanto riguarda il settore delle energie rinnovabili. Il suo ruolo lo ha portato spesso a viaggiare e per Roberto Ingoglia questa è stata un’occasione in più per avvicinarsi al mondo del vino, riscoprendo una passione nata in tenera età.

Roberto Ingoglia: la passione per il vino nata a Partanna

La passione per il vino che Roberto Ingoglia coltiva ancora oggi affonda le sue radici nel piccolo comune di Partanna, in provincia di Trapani.

È qui che l’imprenditore ed il fondatore della Energy Italy Spa è nato ed è sempre qui che ha vissuto la sua infanzia. Parliamo di un paese in cui all’epoca prevalevano le attività rurali e la stessa famiglia di Roberto Ingoglia possedeva un piccolo appezzamento di terreno, coltivato rigorosamente a vigneto.

L’imprenditore di Partanna si è avvicinato a questo mondo sin da piccolo, aiutando il padre a vinificare nelle botti. La sua famiglia si limitava a produrre per l’autoconsumo: il vino all’epoca non si consumava in bottiglia.

L’intero processo di vinificazione era completamente diverso da quello che conosciamo oggi e che adottano le grandi cantine. La lavorazione non prevedeva alcuna aggiunta di prodotti chimici, si utilizzava il mostro in purezza e la fermentazione avveniva in modo naturale. Il risultato era un vino importante, grezzo se vogliamo, con una gradazione alcolica che poteva arrivare anche a 18%.

Ebbene, la passione per il vino di Roberto Ingoglia è nata dunque nella sua Partanna: in quel piccolo comune in provincia di Trapani che ancora oggi è a lui tanto caro e dove recentemente è stata aperta una filiale della Energy Italy.

Un luogo che per l’imprenditore è pregno di ricordi e continuerà ad essere un punto di riferimento.

Roberto Ingoglia: le esperienze giovanili nella commercializzazione del vino

Quella che inizialmente era solo una passione, si è trasformata ben presto in un vero e proprio lavoro per Roberto Ingoglia. In pochi sanno che il noto fondatore della Energy Italy non ha da sempre operato nel campo delle energie rinnovabili. Eolico e fotovoltaico, quando era adolescente, erano ancora concetti remoti, che solo negli anni successivi hanno iniziato ad assumere una certa concretezza. Subito dopo il diploma, Roberto Ingoglia si è dedicato alla commercializzazione dei prodotti agricoli e in particolare di olio e di vino. Si trovava ancora a Partanna e gli eventi organizzati dalla Camera di Commercio di Trapani gli hanno permesso di viaggiare e scoprire realtà che fino ad allora erano a lui sconosciute. Roberto Ingoglia ha avuto dunque la possibilità di andare in diverse capitali d’Europa, negli Stati Uniti, in Canada, per presentare i prodotti che commercializzava. Ed è stato proprio in queste occasioni che ha avuto modo di aprire i propri orizzonti, di scoprire l’effettivo potenziale dei vini italiani che all’estero rappresentavano una vera e propria eccellenza.

Roberto Ingoglia: l’amore per i vini siciliani dell’imprenditore di Partanna

Indubbiamente, l’imprenditore di Partanna ha sempre nutrito un particolare amore nei confronti dei vini siciliani considerati una vera e propria eccellenza. È affascinante sentirlo parlare della produzione enologica della sua terra, che effettivamente vanta delle caratteristiche uniche grazie alla brezza marina proveniente dal mare e alla composizione particolare del terreno nelle zone dell’Etna. I vini siciliani hanno stentato ad imporsi nel panorama internazionale: inizialmente lo stesso Roberto Ingoglia si è confrontato con prodotti provenienti dalla Toscana e dal Piemonte, considerati i veri e propri simboli dell’enologia italiana di qualità. Con il passare del tempo però anche i vini siciliani hanno varcato i confini nazionali e lo stesso Ingoglia conferma che il merito è stato del cambio di mentalità degli stessi produttori. Si è iniziato ad investire nelle risorse umane, per valorizzare dei prodotti che effettivamente meritavano a pieno titolo di rientrare tra le eccellenze italiane e così è stato.

La passione per il vino di Roberto Ingoglia: dalla Sicilia a tutta la Penisola

La passione per il vino di Roberto Ingoglia non si ferma però entro i confini della sua terra. L’imprenditore di Partanna, come abbiamo detto, custodisce con cura nella sua cantina etichette provenienti da tutta Italia proprio perché, come lui stesso ha affermato, la nostra è una Penisola in grado di offrire prodotti straordinari. Ogni regione vanta delle caratteristiche uniche, in grado di dare vita a vini eccezionali e incredibilmente diversi.

Dal Cirò al Gaglioppo campani al Vulture della Basilicata, dal Primitivo di Manduria al Sagrantino di Montefalco, dal Sangiovese toscano al Piemonte con il suo Barbera, il Dolcetto, il Nebbiolo. Dal Valpolicella all’Amarone, per non dimenticare gli straordinari vini dell’Alto Adige. Questi sono solo alcuni esempi citati dallo stesso Roberto Ingoglia per esprimere la sua immensa passione nei confronti della varietà di etichette italiane, uniche al mondo ed inconfondibili. L’imprenditore di Partanna conserva proprio tali bottiglie nella sua fornitissima cantina e non solo quelle siciliane, che naturalmente continuano a rappresentare per lui un vero e proprio vanto.

Roberto Ingoglia però non si limita ad amare il vino della sua Sicilia: nutre una vera e propria passione per le etichette di qualità e questo ci dimostra ancora una volta il suo grande spessore umano. Nonostante i numerosi impegni professionali che hanno condotto la sua Energy Italy ad un enorme successo, nonostante la famiglia alla quale è sempre rimasto dedito, Roberto Benedetto Ingoglia è riuscito a coltivare anche le proprie passioni. Oltre a quella del vino, ricordiamo anche quella per la corsa: tra i suoi obiettivi futuri, come ha dichiarato in una recente intervista, c’è la partecipazione alle maratone delle principali capitali europee nonché a quella di New York.

Roberto Ingoglia è insomma un imprenditore a tutto tondo, ancorato alle sue origini e alla sua Partanna ma sempre aperto e ben disposto a coltivare ogni sua passione con la medesima dedizione.

Scritto da Redazione Food Blog
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gnocchi con zucca, salsiccia e porri: ricetta cremosa e saporita

Gamberi e calamari con verdure al forno: ricetta leggera e sfiziosa

Leggi anche
Contents.media