Tempo di conservazione degli asparagi in frigo: consigli

Qual è il tempo massimo di conservazione degli asparagi in frigo? Consigli e accorgimenti per mantenerli freschi a lungo.

Gli asparagi selvatici sono tanto buoni quanto difficili da reperire: il loro periodo di raccolta è limitato alla sola primavera, e talvolta l’annata non offre grandi soddisfazioni a chi si avventura alla loro raccolta. Fortuna che è sempre possibile acquistare gli asparagi coltivati! Il sapore e la consistenza sono indubbiamente diversi, ma è un piccolo compromesso a cui sottostare per poterne godere tutto l’anno.

Antipasti, primi piatti e contorni: con gli asparagi è possibile preparare tanti deliziosi manicaretti, dall’intramontabile risotto agli asparagi, alla fresca e cremosissima cheesecake, ideale da preparare anche in formato monoporzione e servire durante un buffet. Una volta acquistati o raccolti, se non si ha la possibilità di consumarli subito, occorre conservarli in modo tale da preservarne la loro freschezza. Il metodo più semplice consiste nel riporli in frigorifero, ma in alternativa è possibile anche congelarli o conservarli sott’olio.

Tempo di conservazione degli asparagi in frigorifero

Gli asparagi possono essere conservati sia a temperatura ambiente, se si ha in previsione di consumarli entro il giorno successivo, oppure in frigorifero, così da estenderne la durata indicativamente fino a 5 giorni, a patto di seguire qualche semplice accorgimento.

Gli asparagi, per mantenersi freschi, croccanti e saporiti, devono essere posti a bagno, esattamente come dei fiori appena recisi. Spuntate 1-2 centimetri dal gambo e posizionateli in verticale all’interno di un contenitore in vetro o un bicchiere dai bordi alti, dopodiché riempitelo d’acqua sul fondo.

Se non avete spazio a sufficienza per mettere a bagno gli asparagi all’interno di un bicchiere, avvolgeteli sul gambo con un panno umido, fissatelo con un elastico e riponeteli all’interno di un sacchetto in plastica per alimenti. Accertatevi che il panno sia sempre umido e nel caso provvedete a bagnarlo nuovamente.

Scritto da Angelica Mocco
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Filetto di maiale con salsa d’uva: ricetta gourmet ricca di gusto

Conservazione migliore delle mele cotogne: 3 modi efficaci

Leggi anche
Contents.media